"Non so bene perché, ma c'è qualcosa nell'orso che induce ad amarlo"
J. O. Curwood

lunedì 11 febbraio 2008

Quando l'orso tende la zampa al gorilla

Un inedito gemellaggio tra animali delle Oasi Regionali del WWF e quelli della Regione del Kivu, in Africa, è al centro del progetto di cooperazione "PEVì-Kacheche" tra Abruzzo e Repubblica Democratica del Congo. L'iniziativa è finanziata dalle oasi del WWF in Abruzzo (Lago di Penne, Lago di Serranella, Diga di Alanno, Calanchi di Atri, Gole del Sagittario, Sorgenti del Pescara e Cascate del Rio Verde) e dall'Ufficio Cooperazioone Internazionale della Regione Abruzzo nell'ambito del bando annuale 2007.

L'iniziativa è organizzata in due azioni principali:

  • -la tutela del Parco Nazionale dei Monti Virunga, sito dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO e reso famoso dal film Gorilla nella nebbia, attraverso la produzione e piantumazione di 100000 alberi che andranno a costituire una fascia tampone intorno al parco, dando sostentamento alle persone del posto con la costituzione di un vivaio e garantendo la ricostituzione di habitat forestali oggi distrutti.
  • -la formazione di 5 operatori congolesi segnalati dall'Istituto per la Conservazione della Natura del Congo (ICCN, Institute Congolais pour la Conservation de la Nature) che saranno ospiti della nostra regione, tra aprile e maggio, partecipando ad incontri, seminari e laboratori pratici nelle oasi del WWF Abruzzo

"La Regione Abruzzo - ha detto Gianni Melilla, presidente del Comitato Regionale Cooperazione Internazionale - è estremamente sensibile alle tematiche ambientali, avendo puntato sulla costituzione di un sistema regionale di aree protette. In Abruzzo recentemente bracconieri senza scrupoli hanno ucciso 3 orsi scatenando l'indignazione nazionale ed internazionale. In Congo il bracconaggio, commissionato spesso da personaggi occidentali, sta ponendo a grande rischio un primate tra i più vicini all'uomo, il Gorilla di Montagna. Due specie lontane ma accumunate dalle stesse abitudini forestali e da minacce simili. Questo parallelismo ci ha colpito, così come la volontà dei comuni gestori delle Riserve di non pensare solo alla salvaguardia del proprio territorio ma di destinare parte delle loro risorse alla cooperazione internazionale. Alcune riserve abruzzesi hanno deciso di fare ciò che da decenni in Occidente si promette, quello di destinare una quota di almeno lo 0,7% del bilancio in cooperazione internazionale. E' un esempio che abbiamo voluto sostenere".

"Le azioni promosse dal progetto della Regione Abruzzo - sottolinea Carmine Annicchiarico, responsabile cooperazione decentrata WWF Italia - si inseriscono in un programma avviato dal WWF, insieme all'UNESCO e all'ICCN, da una decina di anni, che ha portato finora alla piantumazione di 10 milioni di alberi e al sostegno delle comunità gravemente minacciate dalla guerra civile, che in pochi anni ha portato circa 5 milioni di morti. Si tratta di un progetto integrato, che vede la tutela della Natura e un futuro sostenibile per le comunità locali, che possono sostenersi grazie ai prodotti della gestione del bosco (legname, prodotti ortofrutticoli, piante medicinali) e alla gestione dei vivavi che nascono prima per la riforestazione e poi come micro-impresa gestita direttamente dai congolesi. Chiediamo a tutti gli enti abruzzesi e anche ai semplici cittadini di sostenere questo progetto, anche solo partecipando ai tanti eventi di sensibilizzazione che verranno proposti nelle Oasi nei prossimi mesi".


2 commenti:

Holy Cuteness ha detto...

Can't read your language...
But your blog looks great!

Tom ha detto...

Hi Enzo,

Well, I also do not understand Italian, but I think your writing is beautiful even though I can't quite understand the words.

Thanks for joining the Nature Blog group at Blog Catalog. You blog here is superb, great job!

Tom