"Non so bene perché, ma c'è qualcosa nell'orso che induce ad amarlo"
J. O. Curwood

lunedì 26 aprile 2010

L’orso in festa

Domenica 30 Maggio 2010, nella culla dell'emigrazione girovaga, dove uomini e orsi incrociarono le proprie vite per far fronte alla sopravvivenza e per dare spettacolo nelle strade e nelle piazze dell'Europa, si svolgerà la prima giornata interamente dedicata all'Orso, figura animale carica di densi significati e trascorsi storici.
Il Museo Gli Orsanti aprirà le porte ai visitatori per far scoprire come la figura dell'orso sia intimamente legata alla città di Compiano e in generale alla popolazione della Valtaro, attraverso l'antico fenomeno migratorio che, per necessità, rese molti degli abitanti della zona artisti girovaghi e ammaestratori di orsi che si esibirono nelle vie e nelle piazze delle grandi città del Nord Europa.
L'intera città di Compiano sarà in festa per celebrare questa figura mitica: nella mattinata un seminario dal titolo "Orsi e Orsanti" vedrà storici, antropologi e scrittori confrontarsi sulle tematiche riguardanti il ruolo di questo animale e il suo valore storico e simbolico attraverso varie epoche ed etnie.
Nel corso della giornata artisti scultori, pasticceri, falegnami,  musicisti,  giostrai, e pittori si sfideranno in un'insolita competizione per la creazione della riproduzione più bella o dell'opera ispirata all'orso. Verranno esposte ai visitatori opere di diverse arti sull'orso. Musiche, danze, cantastorie, celebreranno l'antico re del mondo animale,  protagonista nei secoli, di film, canzoni, storie realmente accadute ed ideologie ispirate alla sua figura: forte e misteriosa. La letteratura saggistica, fiabesca, fumettistica dedicata all'orso, sarà oggetto di mostre, esposizioni, letture, rappresentazioni artistiche ed interpretative.  Oggetti di vita quotidiana, strumenti musicali, stampe, e abiti d'epoca, per descrivere un fenomeno lontano nel tempo ma vicino al cuore di molti Compianesi. A chiusura della manifestazione, si svolgerà una cerimonia di premiazione, in piazza per la performance o l'opera che meglio ha rappresentato l'orso.

Fonte: www.museogliorsanti.it

3 commenti:

Il grande marziano ha detto...

Bella questa cosa della festa degli orsi. Se riesco a trovare un posto su un'astronave, ci faccio un salto.

Ne approfitto per segnalarti questo:
http://www.repubblica.it/scienze/2010/04/27/news/vivere_con_orso-3645546/

Ciao!

Anonimo ha detto...

Un saluto a tutti gli orsi ,che rappresentano la figura di forza e dolcezza della natura, sono MIK e abito nel vicentino dove da poco si e' trasferito l'orso DINO M5 , dopo il suo risveglio girovagando sull altopiano di Asiago aveva un po di fame e ha festeggiato con gli asini e un po di miele occupando le prime pagine dei giornali per la sua presenza in ogni dove , essendo un pasticcere ho realizzato il biscotto ORSO DINO

www.biscottimik.com (prodotti)

un saluto e in bocca l'orso (biscotto) MIK

GUANITA ha detto...

HO INTENZIONE DI ANDARCI!!!!!