"Non so bene perché, ma c'è qualcosa nell'orso che induce ad amarlo"
J. O. Curwood

domenica 25 aprile 2010

Non c'è niente da ridere.

Ho trovato un video su youtube che porta questo titolo: “[Japan] hokkaido - funny bear from bear farm”. Per me però non c’è niente di funny in questo video. Gli orsi mostrati si trovano ad Hokkaido (Giappone) all’interno di uno dei due “Bear Ranch” molto frequentati dai turisti. All’ingresso, insieme al biglietto si possono comprare dei biscotti per 100 Yen o delle mele per 200 Yen. Per gli orsi. L’attrazione maggiore di Hokkaido infatti sono proprio loro, simbolo della città. Il recinto ospita 3 o 4 grandi cavità circolari, ognuna contenente in media 10 orsi. Pur di ricevere un po’ di cibo si accalcano effettuando strani movimenti che ai turisti sembrano simpatici balletti (basta sentire le risate). Sembrano saluti, linguacce o implorazioni quelle degli orsi elemosinanti. Animali chiusi in un recinto, circondati da turisti, costretti a chiedere cibo in modo così ignobile. Ci sono orsi che se la passano peggio, vero. Ci sono quelli nelle fattorie della bile, quelli decimati dalla caccia o quelli senza futuro. 
Ma vedere questi giganti, umiliati e ridicolizzati mi ha fatto male. 

E non mi ha fatto ridere.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

... e poi sarebbe l'orso la specie cha fa puara... :(

max

Naty ha detto...

ORRORE non posso guardare... maledetta bestia umana!
Natascia

Anonimo ha detto...

che schifezza.

Misty