"Non so bene perché, ma c'è qualcosa nell'orso che induce ad amarlo"
J. O. Curwood

martedì 5 giugno 2007

Lettera....

Pubblico qui una lettera di un'amica che ho avuto il privilegio di conoscere su questo blog. La lettera era indirizzata all'Adige, il quotidiano del Trentino, ma non è stata mai pubblicata. Siccome l'OrsoBruno non ama le ingiustizie e la lettera è meravigliosa, la pubblico io...quando l'avrete letta non potrete fare a meno di riflettere.

E' la montagna che parla e lo fa rigorosamente in dialetto, segue una traduzione trentino-italiano (trentin-'taglian) fatta dal buon Flavio, ovviamente in dialetto la lettera rende 100 volte di più perchè è ricca di modi di dire e di espressioni tipiche.

“Cari òmeni ve scrivo..”

L’è da en pèz che lezo el vos giornal, me continuà a tirar en mèz e adess vòi dir la mia.
En dì sì e ‘n dì no se parla de mi. Gh’è quei che i dìs che ‘l clima el sta cambiando, che ’l fa masa calt, e ‘n efeti no l’è che la stia nando masa ben… ecoli lì… me par de sentirli de zà.. adess ghe sarà quei che i me risponde “i cambiamenti i gh’è sempre stadi, che l’è ancora capità de veder le primule nei boschi en zenàr e così via”: l’è ben vera, mi che son chi da ‘n pèz no podo miga dirghe de no, ma el fato che me preocupa l’è che i sta suzedendo masa empressa.
Fata ‘sta premesa doverosa vegnin al dunque, al punto che me tira en bal.. fa masa calt e i mè giazàri, che i me fa compagnia da ‘n pèz, i è ridoti propri mal.. come se no bastasa quest, e credéme i ghe n’ha zà en goso cossita, voi ve metè a sciarghe sora, e visto che no volé fadigar masa (bruta roba la fadiga eh?!), zò ad alzar pali, paleti, scavarghe dentro strade, tirar via de qua per meter de là, far discoteche ad alta quota con tut quel casin che me fa vegnir mal de testa e fa scampar i camozi... tuta ‘sta roba chi l’è nada ben per en par de ani (pochi se vardà la question dal me punto de vista!), ma adess zent studiada l’ha dit che “no se pol nar avanti così”, l’ho lezù sul vos giornal de l’altro dì, ghe voleva zent studiada per arivar a ‘sta conclusion? Fato stà che forsi qualcoss el se move, forsi i riesce a evitar de far nàr la “fera del’Est” almen sui giazàri pù alti, forsi la zent la riuscirà a razonar co’l cor e no co’l tacuin …staren a veder, mi entant speto e vardo.. anca perché de pù no podo miga far..
Apena finì de lezer ‘ste robe.. cosa suzede? I me soci dei boschi i me porta n’altro giornal e cossa gh’è su scrit? Che i vol tirar su altri pali e paleti, ruspe e pachere su per el me amico Grostè, che zà l’è sbusà assà. Ma ..fermi tuti.. en dì i vol blocar el sci en alta quota perché fa masa calt, n’altro dì i vol far novi empianti soto i domìli, ma no ‘i aveva dit che el fioca poc e ‘l fa masa calt? Uno a sto punto el taca a no capir pù nient! Ah, ma giusto.. che sema che son.. gh’è i canoni.. ma se ghe sarà problemi de sicità cossa i vol far ? Tor via l’acqua dale case per usarla per far soldi? E poi cossa suzederà, magnà e ve lavà con quei?
Fra l’altro el me amico Grostè, che l’è el fiol de la Brenta e neò dela Tosa, el se credeva en te ‘na bote de fer, el me diseva: “Va’ che chi gh’è el parco, gh’è l’ors e gh’è anca en SIC (sito d’interesse comunitario), no i me toca pu” ..e ‘nveze ven quei en giaca e cravata, i politicanti, che i diss “i SIC no i serve a nient! I è “ostacoli allo sviluppo”! La UE (che no l’è en popo che pianze, quela che pianze son sol mi) l’è na bruta cativa che la ne impone le robe”.. ma l’è mai posibile che ‘na roba che no ve porta soldi per voi l’è inutile? Mai pensar che forse la poderia servir per i animai, per le piante, per el vos còr? Ai vossi fioi, ale generazion future, ghe volè o no lasàr qualche spazio encontaminà o volè lasarghe sol pali de fer e de cemento? Gh’è ‘n limite a tut!
Per fortuna al mondo gh’è anca chi che se enteresa de ste robe, i li ciama “ambientalisti”, termine che fra ‘l rest zerta zent i lo usa anca come dispregiativo, sento dir “ah i è i soliti ambientalisti”..ma ‘sa vol dir?!?!?! Ambientalisti i dovria eser tuti, sia de destra che de sinistra, voi e la vosa mania de schierar la zent, a tuti dovria enteresarghe l’ambiente, l’è en do’ che vivè e ‘n do’ che vivrà i vossi fioi, no se pol ragionar sol sui pochi ani che vivè, dovè pensar anca a chi che ven dopo.. ma ‘sta roba l’è dura farvela capir, se zùchi..se pù duri del granito.
Ma nei ani futuri vòi ben veder, anca i economisti i dìs che no se pol nar avanti così, che l’industria del sci no la gà futuro, quindi besogn pensar anca a quei che en montagna i va per respirar aria encontaminada, quei che i và per caminar en tei boschi, quei che i vol acarezar n’alber, quei che i vol studiar i SIC e i Parchi, quei che i vol en po’ de silenzio, quei che i se emoziona se i vede en capriol, quei che vol fadigar, quei che va co’ le ciaspole, quei che vol semplizemente star en paze con el mondo e con se stesi.. ah giusto, ma ‘sti chi no i porta tanti soldi.
Bon, me par de aver dit tut, mi adess vardo e taso, ma anca tasendo me sento ciamar a volte montagna asasina, che poi ‘sa vol dir!?!? No vago miga en giro con en sciop, colpa mia se, giusto per far n’esempio, voi taià en bosc e dopo no rieso pù a tegnirme ensema? Va ben, basta, taio cort.. ‘n do ero rimasta ? Ah sì, vardo e taso.. mi son chi da milèni e ghe sarò sempre, fazilmente, come l’è zà capità en passaà, cambierò la mé faza, ma en qualche modo, en qualche sass ghe sarò, la me anima no la morirà mai.. e ve varderò .. en font al me còr spereria che no ve fèse masa mal (sè en po’ masochisti, el savè?), perché anca se voi de spess e volentéra ve ne fregà de mi, so che gh’è qualchedun che me fa i complimenti, che me protege, che me ama ensoma, quindi me dispiaseria no vederve pù pestolarme.. sì, el so, no rimarò mai sola, gh’è i mei animai, gh’è i me’ fiori, i me’ crozi.. ma lori de sicur no i pol scriver e cantar con amor come fè voi….. “lassù tra le montagne fra boschi e valli d’or…”.

En saluto, torno a vardar.. e a taser.. ma almen en po’ de crozi dai scarponi me li son tiradi via.
La Montagna"
Rita N. alias Misty

Traduzione:
E’ da tempo che leggo il vostro giornale, mi continuate a tirare in ballo e adesso voglio dire la mia.
Un giorno sì e uno no si parla di me. Ci sono quelli che dicono che il clima sta cambiando, che fa troppo caldo, e in effetti non è che stia andando troppo bene… eccoli lì, mi pare già di sentirli… ora ci saranno quelli che mi risponderanno che i cambiamenti ci sono sempre stati, che è ancora capitato di vedere le primule nei boschi in gennaio, e così via: è vero, io che sono qua da un bel po’ non posso mica dire di no, ma il fatto che mi preoccupa è che stanno accadendo troppo in fretta.
Fatta questa premessa doverosa veniamo al dunque, al punto che mi tira in ballo… fa troppo caldo e i miei ghiacciai, che mi fanno compagnia da un bel po’, sono proprio ridotti male… come se non bastasse questo, e credetemi che ne hanno già abbastanza così, voi vi mettete a sciarci sopra, e visto che non volete faticare troppo (brutta roba la fatica, eh?), giù ad alzare pali, paletti, scavarci dentro strade, tirar via di qua per mettere di là, far discoteche ad alta quota con tutto quel casino che mi fa venire il mal di testa e che fa scappare i camosci… tutta ‘sta roba qui è andata bene “per un paio d’anni” (pochi, se guardate la faccenda dal mio punto di vista!), ma ora gli scienziati hanno detto che “non si può più andare avanti così”, l’ho letto sul vostro giornale dell’altro giorno, ci voleva gente istruita per arrivare a questa conclusione? Fatto sta che forse qualcosa si muove, forse si riuscirà ad evitare di far andare “la fiera dell’est” almeno sui ghiacciai più alti, forse la gente riuscirà a ragionare con il cuore e non con il portafoglio… staremo a vedere, io intanto aspetto e guardo… anche perché di più non posso mica fare…
Appena finito di leggere queste cose… cosa succede? I miei amici dei boschi mi portano un altro giornale, e cosa c’è scritto? Che vogliono tirare su altri pali e paletti, ruspe e scavatori su per il mio amico Grostè, che è già abbastanza torturato. Ma… fermi tutti… un giorno vogliono bloccare lo sci ad alta quota perché fa troppo caldo, un altro giorno vogliono fare nuovi impianti sotto i 2000, ma non avevano detto che nevica poco ed è troppo caldo? Uno a questo punto inizia a non capir più niente! Ah, ma giusto… che scema che sono… ci sono i cannoni… ma se ci saranno problemi di siccità, cosa vogliono fare? Togliere l’acqua dalle case per usarla per far soldi? E poi cosa succederà, li mangerete e vi laverete con quelli?
Fra l’altro il mio amico Grostè, che è figlio della (Cima) Brenta e nipote della Tosa, si credeva in una botte di ferro e mi diceva: guarda che qui c’è il Parco, c’è l’orso e c’è anche un SIC (sito d’interesse comunitario), non mi toccano più…e invece vengono quelli in giacca e cravatta, i politici, che dicono “i SIC non servono a nulla, sono ostacoli allo sviluppo!” La UE (che non è un bambino che piange, quella semmai sono io) è una “brutta cattiva” che ci impone le cose… ma è mai possibile che una cosa che non porta soldi per voi sia inutile? Mai pensare che forse potrebbe servire per gli animali, per le piante, per il vostro cuore? Ai vostri figli, alle generazioni future, volete o no lasciare qualche spazio incontaminato, oppure volete lasciare solo pali di ferro e cemento? C’è un limite a tutto!!
Per fortuna al mondo c’è anche chi si interessa di queste cose, li chiamano “ambientalisti”, termine che fra l’altro alcuni usano anche come dispregiativo, sento dire “ah, sono i soliti ambientalisti…” ma cosa vuol dire?!?!?! Ambientalisti dovrebbero essere tutti, sia di destra che di sinistra, voi e la vostra manìa di schierare la gente, a tutti dovrebbe interessare l’ambiente, è dove vivete e dove vivranno i vostri figli, non potete ragionare solo sui pochi anni che vivete, dovete anche pensare a chi verrà dopo! Ma questa cosa è difficile farvela capire, siete zucconi… più duri del granito.
Ma negli anni futuri voglio ben vedere, anche gli economisti dicono che non si può andare avanti così, che l’industria dello sci non ha futuro, quindi bisogna pensare anche a chi in montagna va per respirare aria incontaminata, a quelli che ci vanno per camminare nei boschi, che vogliono accarezzare un albero, che desiderano visitare i SIC e i Parchi, che vogliono un po’ di silenzio, che si emozionano se vedono un capriolo, a quelli che vogliono faticare, che vanno con le “ciaspole”, a quelli che vogliono semplicemente stare in pace con il mondo e con se stessi… ah giusto, ma questi qui non portano tanti soldi.
Bene, mi pare di aver detto tutto, io adesso guardo e taccio, ma anche stando zitta mi sento chiamare a volte montagna assassina, che poi cosa vuol dire?!?!? Non vado mica in giro con un fucile; colpa mia, giusto per fare un esempio, se voi disboscate e dopo io non riesco più a “tenermi insieme” e frano? Vabbè, basta, taglio corto… dove ero rimasta? Ah sì, guardo e taccio… io sono qui da millenni e ci sarò sempre; facilmente, come è già capitato in passato, cambierò la mia faccia, ma in qualche modo, in qualche sasso ci sarò, la mia anima non morirà mai… e vi guarderò… in fondo al mio cuore spererò che non vi facciate troppo male (siete un po’ masochisti, lo sapete?), perché anche se voi spesso e volentieri ve ne fregate di me, so che c’è qualcuno che mi fa i complimenti, che mi protegge, che mi ama insomma, quindi mi dispiacerebbe non vedervi più camminare nelle mie zone… sì, lo so, non rimarrò mai sola, ci sono i miei animali, ci sono i miei fiori, le mie rocce, ma loro di sicuro non possono scrivere e cantare con amore come fate voi… “lassù tra le montagne, fra boschi e valli d’or…”

Un saluto, torno a guardare.. e a tacere... ma almeno un pò di sassi dallo scarpone me li sono tolti.
La Montagna
Rita N. alias Misty

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Come già detto..... STUPENDA

:)

Claudio

Anonimo ha detto...

Che onore che mi fai Enzo..grazie!

Misty

PS per dover di cronaca: ho spedito la lettera anche al bollettino SAT (la nostra sezione del CAI).. staremo a vedere se lì la pubblicheranno!

Enzo... ha detto...

Dovere Misty...non poteva rimanere chiusa in un cassetto....

Ilaria ha detto...

Complimenti, anche per lo stile di scrittura

Anonimo ha detto...

In puro stile Andrea Castelli, se qualcuno di voi lo conosce ;)

Misty