"Non so bene perché, ma c'è qualcosa nell'orso che induce ad amarlo"
J. O. Curwood

martedì 2 ottobre 2007

Comunicato stampa del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise: Orsi Morti, indagini in corso

A seguito della notizia sulla morte dei due orsi nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, sono giunti numerosi messaggi di profondo dispiacere da parte di cittadini e associazioni ambientaliste e quanti hanno a cuore la sorte della specie simbolo del nostro Parco.
Si è in attesa dell’esame autoptico sulle carcasse che solleverà ogni dubbio sulle cause del decesso che da un primo esame non escludono la morte violenta.
E’ duro il Presidente del Parco Giuseppe Rossi che stigmatizza l’accaduto come “un fatto inaccettabile e incredibile. Drammatico e di inaudita gravità. Un atto di barbarie - prosegue Rossi – indegno di un popolo civile.”
“La scomparsa di Bernardo e di una sua compagna, rinvenuti nel territorio montano di Gioia dei Marsi - prosegue il Presidente - rappresenta una perdita naturalistica e culturale incalcolabile per il Parco, per il Paese e l’umanità intera. Un episodio che deve allarmare e impegnare le Istituzioni, le popolazioni del Parco e la stessa opinione pubblica. Un evento tragico che avviene in un momento cruciale per il Parco che sta tentando di ripartire e progettare il suo futuro.”
Il Servizio Sorveglianza del Parco, congiuntamente al CTA del Corpo Forestale dello Stato ed alla preziosa collaborazione tecnico - scientifica dei ricercatori dell’Università “La Sapienza” di Roma, stanno conducendo le indagini per individuare eventuali responsabilità. Il Presidente invita i cittadini a collaborare fornendo eventuali informazioni utili alle indagini.




Nella foto uno dei due orsi rinvenuti dalle Guardie del Parco. (foto archivio pnalm)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Vergogna e amarezza.

Misty

Sefora ha detto...

Come ho già detto, sento di essere stata derubata di qualcosa di molto prezioso....
Mi associo a Misty...amarezza e vergogna

Luz.z Dogg ha detto...

Mi fa male.